InfoSharnet Componentistica Pc Assemblaggi Consigli e guide per formattazioni windows mac linux i migliori software

Viaggio al centro della Terra riassunto

« Older   Newer »
 
.
  1. charly
     
    .

    User deleted



    Una pergamena trovata in un vecchio libro dal professor Otto Lidenbrock contiene un messaggio cifrato scritto in caratteri runici. Il messaggio viene decifrato da Axel, nipote del rinomato professore di mineralogia che insegna in un prestigioso ginnasio di Amburgo dove vive. Il testo in latino contiene le indicazioni per raggiungere il centro della Terra attraverso un vulcano, lo Snæffels in Islanda.

    Il professore e il nipote Axel (il narratore interno del romanzo) partono quindi con molta fretta da Amburgo per l'Islanda passando per Kiel e Copenaghen dove si fermano per motivi tecnici. Procedono poi per il cratere Jökull del vulcano Snæffels, da cui parte la via già percorsa da Arne Saknussemm verso il centro della Terra. Il cratere d’entrata è segnalato dall’ombra dello Snæffels il 22 giugno, il solstizio d'estate. Il manoscritto infatti sarebbe opera di Arne Saknussemm, alchimista danese del XVI secolo, che avrebbe effettivamente compiuto l’impresa lasciando vari segni nelle caverne in modo da facilitare il compito dei suoi successori. Nel viaggio sono accompagnati da una guida locale, Hans-bach Hulja, fedele e assolutamente impassibile che li conduce fino all’entrata del cratere nell’Islanda rurale. Per poi proseguire scendendo pian piano verso il centro della terra meta del loro viaggio.

    Il viaggio è molto avventuroso scendendo e salendo nelle immense cavità sotterranee dove, oltre a molti preziosi e rari minerali, si trovano resti di animali preistorici. Verne fa vivere agli eroi molte avventure al limite dell’impossibile. In più occasioni rischiano di morire a causa della sete o della loro sfortuna o sbadataggine. I viaggiatori arrivano poi in una grande “caverna” descritta come il centro della Terra. Qui si trovano davanti ad un mare (ribattezzato "mare Lidenbrock") che provano ad attraversare su una zattera; dopo giorni di navigazione arrivano alla riva, ma non quella opposta bensì - apparentemente - quella di partenza. Durante la traversata, assistono ad una lotta spettacolare tra un ittiosauro e un plesiosauro. Così, tornati al punto di partenza decidono di vedere la riva ed esplorandola vedono vegetali di dimensioni enormi (fossilizzati), un uomo-gigante alto 12 piedi che pascola una mandria di mastodonti e uno scheletro. I viaggiatori ritrovano le tracce di Saknussemm con un segnale, ma il passaggio è bloccato da una frana. Cercano di farsi largo provocando un'esplosione, che ha però l'effetto di gettare i tre nella bocca di un vulcano in eruzione. Risalgono le cavità terrestri attraverso un condotto del magma e si ritrovano alle pendici dello Stromboli vulcano delle Eolie. Da qui torneranno ad Amburgo, per vie meno insolite.

    Il romanzo si conclude con la scoperta, da parte del giovane Axel, che la bussola era impazzita durante la navigazione sotterranea e che il mare Lidenbrock era stato attraversato completamente. La gioia del professore è tuttavia sorpassata da quella del giovanotto, che sta per sposarsi con la bella Grauben, la figlia del professore.
     
    Top
    .
0 replies since 2/12/2009, 08:19
 
.